Chatta con noi!

Il mio Profilo
Nome Utente:
password Password:

Blumatica - software edilizia e sicurezza Blumatica

Rendiamo Semplici le Cose Complesse!

contatti Autenticazione Registrati al sito

Cerca:
   Loading...
B-shop: Il Carrello è Vuoto

Blumatica Energy il software per la certificazione energetica degli edifici

Redazione Attestato di Prestazione Energetica, Attestato di Qualificazione Energetica, Relazione Tecnica e di Calcolo. Climatizzazione Estiva. (D.Lgs. 192/2005, DPR 59/2009, D.L. 63/2013, Legge 10/91, UNI/TS 11300 (parti 1,2,3,4,5,6), UNI 10349:2016 (parti 1,2,3)

Descrizione

4,5 Stelle
energy

APE, AQE, relazione tecnica e di calcolo (Legge 10), annunci commerciali, trasmittanze termiche e verifiche termoigrometriche, fattibilità interventi migliorativi, esportazioni regionali.
La vera alternativa per tutti:
un unico software a soli € 155,00!

you tube video Guarda il video
Primi ad aver aggiornato e protocollato al CTI il software
secondo le nuove UNI 10349 e le nuove UNI/TS 11300
pubblicate il 31 marzo 2016 ed in vigore dal 29 giugno 2016

Perchè sceglierlo?


  • Elabori APE, AQE, relazione tecnica e di calcolo (Legge 10), annunci commerciali, trasmittanze termiche e verifiche termoigrometriche, fattibilità degli interventi migliorativi, esportazioni regionali. Tutto in un unico software!
  • Calcoli in modo interattivo le dispersioni dell’edificio, inserendo i dati in modo tabellare o mediante CAD integrato. Disegnando o importando una planimetria, ottieni in automatico, per ciascun ambiente, l’identificazione di superfici e volumi, angoli di ombreggiamento, orientamenti e superfici degli elementi disperdenti (pareti interne ed esterne, solai e coperture, infissi esterni ed interni, ecc.), ponti termici. La presenza di un vettorializzatore ti permette di utilizzare disegni di qualsiasi formato (DWG, DXF, BMO, PNG, JPEG, GIF, PDF)
  • Gestisci qualsiasi tipologia di impianto in modo semplice e intuitivo
    Casi di climatizzazione mista (aria-acqua), multigenerazione e sistemi bivalenti o polivalenti non rappresentano un problema (pensa a unità immobiliari a più livelli, in cui i diversi servizi energetici sono soddisfatti sia da impianti centralizzati che da generatori autonomi!). In pochi click e senza giri macchinosi definisci, per ciascun generatore installato nell’edificio, i servizi energetici (riscaldamento, acqua calda sanitaria, raffrescamento) e le zone termiche servite in modo da effettuare una diagnosi realistica e accurata del tuo edificio. In caso di climatizzazione mista o a tutt’aria, inoltre, puoi selezionare i generatori che soddisfano il fabbisogno richiesto dall’unità di trattamento aria (UTA), con calcolo automatico delle temperature all’interno della rete aeraulica e dei guadagni dell’eventuale recuperatore di calore
  • Gestisci la presenza di condizionatori (split) sia nel periodo di riscaldamento che di raffrescamento
    condizionatore Nonostante la UNI/TS 11300-2:2014 non contempli i condizionatori, Blumatica Energy è l’unico software che consente di gestire tale soluzione impiantistica: non sei quindi costretto ad operare “per analogia” per la scelta dei terminali di emissione, della tipologia di regolazione e del tipo di distribuzione in quanto il software applica in automatico la giusta metodologia di calcolo

Le funzionalità

  • Redazione di Attestato di Prestazione Energetica (APE), Qualificazione (AQE), Relazione Tecnica, Relazione di Calcolo (Legge 10/91) e Annunci Commerciali ai sensi della normativa vigente
  • Calcolo delle trasmittanze termiche di tutte le tipologie di componenti opachi e trasparenti con raffronto automatico coi limiti di legge
  • Verifica termoigrometrica con calcolo della formazione di condensa superficiale ed interstiziale ed elaborazione, per tutti i mesi dell’anno, di una dettagliata relazione con specifici diagrammi di Glaser
  • Determinazione degli eventuali interventi migliorativi possibili, con valutazione dei tempi di ritorno dell’investimento e delle riduzioni di emissioni di inquinanti in atmosfera. In particolare, indicando tipologia e costo degli interventi, si effettua un’analisi dei costi e dei benefici con tempi di ritorno dell’investimento, indicatori economici (VAN, IP, TIR) e riduzione di inquinanti
  • Archivi interni, completamente personalizzabili, relativi a: dati climatici di tutti i comuni italiani, materiali da costruzione, strutture edilizie (pareti esterne ed interne, solai e coperture, infissi esterni ed interni, ecc.), ponti termici, generatori
  • Esportazione dei dati (in formato .xml) per la registrazione dell’APE secondo quanto previsto dalle specifiche procedure delle Regioni:
    XML Nazionale formato esteso e sintetico
    Abruzzo (formato .xml da registrare nel Sistema Informativo per la Certificazione Energetica degli Edifici della Regione Abruzzo)
    Veneto (formato .xml da registrare nella sezione VE.NET.energia-edifici del portale regionale)
    Piemonte (formato .xml da importare nel sistema informativo SIPEE)
    Emilia Romagna (formato .xml esteso da importare nel sistema informatico SACE – Sistema Accreditamento Certificazione Energetica)
    Lombardia (formato .xml da importare nel software CENED+ 1.2) (in fase di aggiornamento per il sistema CENED+ 2.0).
    Umbria (formato .xml da importare nel Sistema Informativo per la Certificazione Energetica degli Edifici della Regione Umbria)

    Modulo Regione Valle d’Aosta per le verifiche di legge e redazione della relazione tecnica di progetto legge 10 secondo le nuove disposizione (D.G.R. 272/2016) in vigore dal 1° aprile 2016.

  • Il word processor integrato è perfettamente compatibile con i formati più usati: DOC, DOCX, RTF, restituendo documenti la cui formattazione, ispirata agli standard consolidati Blumatica, è impeccabile e garantita con qualsiasi altro software
Autodichiarazione prestazione energetica edifici

La Normativa di riferimento

  • Decreti attuativi della Legge 90/2013:
    • Decreto 26 Giugno 2015 - Requisiti Minimi
    • Decreto 26 Giugno 2015 - Linee Guida Nazionali per la Certificazione Energetica
    • Decreto 26 Giugno 2015 - Relazioni Tecniche di Progetto
  • UNI/TS 11300 parti 1-2-3-4-5-6
  • Decreto Legislativo 192 del 2005, con riferimento alle modifiche apportate dalla Legge 90 del 2013
  • UNI 10349:2016 parti 1-2-3.

Clicca qui per visionare un esempio di Attestato di Prestazione Energetica (APE)

corso elearning certificazione
energy web
Verifica se possiedi i requisiti di un certificatore energetico
Esempi applicativi SAAT (Software as a Teacher)

Requisiti Minimi di Sistema:

Hardware: CPU: 1.6 GHz
RAM: 1 Gb (consigliati almeno 2 Gb su sistemi operativi Windows Vista e superiore)
Hardisk: 1 Gb
Sistema Operativo: Windows XP Service Pack 3 (Home e Professional);
Windows XP x64 Service Pack 1 (Professional Edition 64 Bit);
Windows Vista (escluse versioni Basic Edition);
Windows 7 (escluse versioni Starter Edition);
Windows 8.x (solo PRO, escluse versioni RT);
Windows 10

NOTE: E’ possibile utilizzare i prodotti Blumatica su Personal Mac Intel-based con OS X Leopard (10.5) o successivi, attraverso l’uso di virtualizzatori quali VMWare, Parallels, Virtual Box o Boot Camp con i sistemi operativi Windows 7/8 (sia 32 che 64 bit).
Non è supportata l’attivazione tramite dispositivi di protezione USB.
Il corretto funzionamento del software è vincolato alla qualità dell'ambiente Microsoft virtualizzato ed alla quantità di risorse (RAM, HDD e CPU) dedicate che comunque dovranno rispettare i requisiti minimi previsti dallo specifico prodotto Blumatica.


freccia I software Blumatica sono prodotti di elevata qualità non soltanto tecnica ma anche informatica. Grazie alle diverse partnership con le più importanti aziende del settore (Microsoft, Autodesk, ecc.), infatti i software Blumatica utilizzano i più moderni concetti presenti sullo scenario informatico internazionale, continuamente e tempestivamente aggiornati attraverso delle politiche interne molto rigorose. Ed è proprio per questo che Blumatica è una delle prime software house del settore tecnico che ha iniziato ad utilizzare l'ambiente Microsoft .NET per lo sviluppo delle proprie applicazioni, fino ad arrivare ad utilizzare le più moderne tecnologie in ambito web, tra cui figura quella denominata "Smart Client", utilizzata dai "Big" quali Google e Microsoft stessa

Schermate

Dati GeneraliDati climatici 
Dati Involucro – Zona termicaDati Involucro – Zona termicaDati Involucro – Componenti disperdentiDati Impianti – Centrale TermicaDati Impianti – Centrale TermicaDati Impianti – Centrale TermicaVerifica Termoigrometrica Verifica Termoigrometrica CAD Energy CAD Energy CAD Energy Status Energetico Status Energetico Status Energetico Interventi migliorativiInterventi migliorativiArchivi - Componenti opachi Archivi - MaterialiArchivi - Componenti trasparenti Archivi – GeneratoriImpianto trasporto persone

Aggiornamenti

Blumatica Energy 6.2.0 - rilasciato il 27/06/2016

Blumatica Energy 6.2.0

Aggiornamento UNI

  • UNI/TS 11300-4: revisione della versione 2012;
  • UNI/TS 11300-5: conversione in UNI delle Raccomandazioni CTI 14;
  • UNI/TS 11300-6: nuova norma, per la determinazione del fabbisogno di energia per ascensori, scale mobili e marciapiedi mobili;
  • UNI 10349 -1/2/3: per il calcolo dei dati climatici (revisione della versione del 1994).

Aggiornamento modelli di stampa

  • “Relazione tecnica” e “Relazione Legge 10”, in virtù dei nuovi obblighi di legge introdotti dalle nuove UNI.

Archivio generatori

  • Implementato “Archivio generatori”. Al momento sono presenti circa 200 modelli di caldaie e 150 modelli di pompe di calore di diversi produttori (Aermec, Ariston, Beretta, Immergas, Junkers, Lg, Rhoss, Riello, Vaillant, Vessmann, ecc.)

Aggiornamento file .xml per esportazione APE Emilia Romagna

  • Aggiornamento del file .xml per la trasmissione telematica dell’APE in virtù delle modifiche apportate dalla regione Emilia Romagna

Implementazione comando DUPLICA in CAD Energy

  • Implementazione comando DUPLICA in CAD Energy per la duplicazione delle zone termiche climatizzate e non climatizzate
Effettua Download
 

Blumatica Energy 6.1.0.13 - rilasciato il 16/12/2015

Blumatica Energy 6.1.0.13

Esportazione APE XML Nazionale

  • Esportazione in formato xml sulla base del modello nazionale esteso (versione 3). Si aggiunge all'esportazione formato ridotto già presente. Tale versione è valida per tutte le regioni in cui non è stato legiferato in materia. Implementata specifica personalizzazione per la Regione Piemonte.

Esportazione APE XML Emilia Romagna

  • Esportazione in formato xml per la Regione Emilia Romagna sulla base del modello esteso. Si aggiunge all'esportazione formato ridotto già presente.

Legge 10 Valle d’Aosta

  • Modulo Regione Valle d’Aosta per le verifiche di legge e redazione della relazione tecnica di progetto legge 10 secondo le nuove disposizione (D.G.R. 272/2016) in vigore dal 1° aprile 2016.

Ottimizzazioni

  • Calcolo della potenza termica di progetto delle diverse zone termiche censite nel lavoro Modello di stampa Legge 10 con gestione dei componenti riqualificati in caso di interventi di ristrutturazione importante e riqualificazione energetica.

Si precisa che, se sei in possesso della versione 6.1 di Blumatica Energy, l'aggiornamento alla versione 6.1.0.13 sarà effettuato, senza costi aggiuntivi, automaticamente dal software.

Blumatica Energy 6.1.0.11 - rilasciato il 16/12/2015

Blumatica Energy 6.1.0.11
  • Adeguamento alle normative della regione Emilia Romagna D.G.R 967/2015 e D.G.R 1275/2015, per la redazione dell’APE e della relazione di calcolo (Legge 10)
  • Esportazione in formato XML per il sistema regionale SACE (Sistema Accreditamento Certificazione Energetica)
  • Nuova interfaccia (Dati per Legge 10) e modello di stampa Relazione Legge 10, conforme ai decreti regionali
Si precisa che, se sei in possesso della versione 6.1 di Blumatica Energy, l'aggiornamento alla versione 6.1.0.11 sarà effettuato, senza costi aggiuntivi, automaticamente dal software.

Blumatica Energy 6.1.0 - rilasciato il 27/07/2015

Blumatica Energy 6.1.0
Effettua Download
 
   
  Adeguamento ai Decreti Attuativi della Legge 90
  • Interfaccia e calcoli per la classificazione energetica dell’edificio adeguati ai decreti attuativi della Legge 90 (in vigore dal 1 Ottobre 2015)
  • Nuovi modelli di stampa per: APE – AQE (conforme alle nuove Linee Guida Nazionali); Relazione Legge 10 (conforme ai decreti attuativi Legge 90); Annunci Commerciali (conforme alle nuove Linee Guida Nazionali)
  • Nuova interfaccia dello Status Energetico
In più…
  • Interventi migliorativi: è possibile modificare anche una sola parete con determinate caratteristiche (es. parete della zona termica 1, nell'ambiente 1, esposto a sud, ecc.) nonché la trasmittanza lineare dei ponti termici
  • Nuova interfaccia per la visualizzazione delle verifiche dei risultati: in funzione della finalità della valutazione (APE, nuova costruzione, ristrutturazione, riqualificazione) è possibile visualizzare le verifiche obbligatorie e non, individuando in real time i punti deboli dell’edificio al fine di effettuare modifiche al lavoro
  • Gestione dei componenti di progetto: tutti i componenti sono parte integrante del file di lavoro. La modifica di un componente viene riportata in tutto il lavoro ed i componenti possono essere condivisi tra più utenti mediante trasferimento nell’archivio di base
  • Integrazione in MyBlumatica
  • bStart con collegamento alla pagina facebook di prodotto
  • Nuova interfaccia CAD e sincronizzazione con quella principale
  • Nuove funzionalità per ponti termici analitici, censimento di ambienti (in modalità Legge 10, anche mediante l’editazione manuale di una polilinea), lucernari, facciate vetrate

Blumatica Energy 6.0.1 - rilasciato il 23/12/2014

Blumatica Energy 6.0.1
Certificazione da parte del Comitato Termotecnico Italiano (CTI): Certificato n. 53, rilasciato il 19 febbraio 2015.
Effettua Download
 
Blumatica Energy 6.0.0   
  Aggiornamento alle UNI/TS 11300: 1-2 del 2014
  • Nuovo modello di stampa per la Relazione Legge 10:
    • Calcolo e verifica anche delle proprietà termodinamiche in regime periodico stabilizzato (sfasamento, capacità termica periodica interna, la trasmittanza periodica, ecc.)
    • Calcolo della potenza termica di progetto delle unità terminali.
  • Nuovo modulo per il calcolo degli interventi migliorativi, senza l’apertura di ulteriori lavori
  • Nuovo modulo CAD integrato
  • Salvataggio dei lavori in file singoli
  • Word processor integrato
Certificazione da parte del CTI delle norme UNI/TS 11300-1-2-3-4.
Effettua Download
 

Video

FAQ

1.

La certificazione energetica è limitata agli edifici residenziali o si estende anche a quelli non residenziali? È valida inoltre sia per edifici esistenti che per nuove costruzioni?

Il software prevede la possibilità di effettuare la certificazione energetica per tutte le tipologie di edifici e per tutte le destinazioni d’uso secondo le metodologie “tabellate” della UNI TS 11300 nonché secondo le metodologie “analitiche”, proprie di una fase progettuale

2.

È possibile redigere la Relazione Tecnica ai sensi della Legge 10/91?

E’ prevista una specifica stampa, basata sul modello dell’ex Legge 10 che, unitamente alla relazione tecnica, provvede a produrre in output anche le stratigrafie dei componenti, diagrammi delle temperature e verifiche igrometriche di tutti i singoli componenti individuati come disperdenti nei dati dell’involucro oggetto di certificazione

3.

E’ possibile gestire più zone termiche appartenenti allo stesso involucro edilizio?

Il software, come indicato nella norma tecnica UNI TS 11300, prevede la possibilità di individuare più zone termiche ai fini della certificazione nonché di suddividere anche una singola zona in più sottozone ove siano previsti terminali di erogazione o tipologie di regolazione differente

4.

Certificando un appartamento privo di impianto di riscaldamento e produzione di ACS, perché nella sezione “Prestazione energetica degli impianti e consumi stimati” risulta un consumo di gas naturale e la classe energetica è superiore a G?

In caso di edifici privi di tali impianti la determinazione della prestazione energetica avviene simulando la loro presenza in una configurazione standard riportata nel decreto. Pertanto - mentre con le “vecchie” linee guida nazionali occorreva simulare una generazione di tipo elettrico - con il nuovo decreto si assumono dei rendimenti fissati come requisiti minimi per il sistema di utilizzazione (emissione, regolazione, distribuzione) e di generazione (a combustibile gassoso). Tale modifica genera in primis, nella sezione “prestazione energetica degli impianti e consumi stimati”, una quantità annua consumata di gas naturale diversa da zero. Inoltre, la classe energetica assegnata a tale tipologia di edificio risulta notevolmente differente rispetto al passato. In particolare, con la vecchia metodologia tale edificio aveva un’alta probabilità di essere in una classe energetica G in quanto, il non avere un impianto di riscaldamento e/o ACS significava più che raddoppiare il fabbisogno di energia primaria non rinnovabile (il fattore di conversione in energia primaria dell’energia elettrica da rete era pari a 2,174). Simulare invece una generazione a combustibile fossile comporta una riduzione del fabbisogno di energia primaria non rinnovabile dell’edificio [il fattore di conversione in energia primaria del gas naturale è notevolmente inferiore a quello dell’elettricità (1,05)].

Inoltre, i valori fissati dal decreto in caso di assenza di impianto per i rendimenti dei sistemi di utilizzazione e generazione sono gli stessi che occorre utilizzare per il calcolo dell’edificio di riferimento con il quale va effettuato il confronto per la classificazione energetica dell’edificio reale. Ciò si traduce nel confrontare due situazioni impiantistiche praticamente identiche e di conseguenza una classe energetica all’edificio migliore della G.
Paradossalmente, se il fabbricato fosse costituito da componenti con trasmittanze conformi ai limiti normativi, all’edificio sarebbe assegnata una classe energetica A1, se non migliore, pur essendo privo di impianti.
Blumatica Energy consente di rappresentare l’assenza di impianti con un semplice click. Indicando per ciascun servizio energetico l’assenza di impianto, infatti, il software provvede in automatico ad effettuare le dovute simulazioni e calcolare la classe energetica.

5.

Perché nell’APE trovo un indice di prestazione energetica rinnovabile diverso da zero anche se nell’edificio non sono installati impianti che utilizzano fonti rinnovabili?

La motivazione risiede nei fattori di conversione in energia primaria dei diversi vettori energetici fissati nella Tabella 1 del decreto Requisiti Minimi (D.M. 26/06/2015).

La prestazione energetica degli edifici è determinata sulla base della quantità di energia necessaria annualmente per soddisfare le esigenze legate a un uso standard dell’edificio e corrisponde al fabbisogno energetico annuale globale in energia primaria per i diversi servizi energetici (riscaldamento, raffrescamento, ventilazione, produzione di acqua calda sanitaria e, nel settore non residenziale, per l’illuminazione, gli impianti ascensori e scale mobili).
In particolare, il fabbisogno energetico è l’energia primaria utilizzata per produrre l’energia fornita ai sistemi tecnici relativi a tutti i servizi dell’edificio e si calcola in base alle quantità consegnate ed esportate dei vettori energetici complessivamente impiegati utilizzando fattori di conversione che tengano conto dell’energia necessaria per l’estrazione, la lavorazione, lo stoccaggio, il trasporto, la generazione, la trasformazione, la trasmissione, la distribuzione e le altre operazioni necessarie alla consegna all’edificio in cui viene utilizzata.



Esaminando i valori del decreto, si scopre che il vettore incriminato è l’“energia elettrica da rete” che ha un fattore di conversione in energia primaria rinnovabile pari a 0,47.
Pertanto, qualsiasi fabbisogno di energia dell’edificio di natura elettrica (derivante da pompe di circolazione, ventilatori, illuminazione, ausiliari di generazione, ecc.) deve essere moltiplicato per tale fattore, dando origine a un valore diverso da zero per l’indice di prestazione energetica rinnovabile.



Blumatica Energy effettua automaticamente la trasformazione in energia primaria, calcolando tutti gli indici di prestazione energia (rinnovabile, non rinnovabile e globale), la quantità annua consumata in uso standard di ciascun vettore energetico nonché le emissioni di CO2.



Hai altri quesiti ? Clicca qui

Documenti


Blumatica Energy

€ 395,00€155,00

Blumatica Energy + Contratto di Aggiornamento Annuale

€ 473,00€220,00